RSS

Notte Bianca, nasce collaborazione

17 Ago

fiume di personeUn’altra Notte Bianca è andata. Forse la migliore delle tre edizioni sino ad ieri organizzate e programmate a San Giovanni Rotondo. Successo ottenuto grazie alla collaborazione emersa tra pubblico e privato. Adesso bisognerebbe conservarne lo spirito.

Una premessa è d’obbligo. Ricordare come e dove nasce la “Notte Bianca”. La prima iniziativa è stata creata a Berlino nel 1997, sotto la denominazione “Notte Lunga dei Musei”. La prima Notte Bianca invece è stata organizzata a Parigi, nel 2002 (la notte tra il 5 e il 6 ottobre) ed è stata dedicata all’arte contemporanea. Successivamente la notte parigina e quella romana (nata sul modello berlinese, con musei aperti tutta la notte animati da una serie di eventi culturali) si sono unite in gemellaggio.

Nel corso degli anni, come spesso accade in Italia, la Notte Bianca ha subito delle trasformazioni rispetto alle sue originali intenzioni. Si è passati ad una sorta di festa collettiva condita da eventi musicali e di intrattenimento (di ogni genere e tipo) e da degustazioni di prodotti tipici (non solo quelli) e fiumi di alcol. Mutamenti che, per taluni, sono stati una evoluzione, in considerazione della maggiore partecipazione popolare, per altri una involuzione, in quanto è stato alterato il leitmotiv originale.

Foto Luigi Cotugno

Foto Luigi Cotugno

foto di Luigi Cotugno

foto di Luigi Cotugno

Nella città di san Pio, la notte tra il 16 e il 17 agosto è coincisa con la terza edizione della ormai famosa Notte Bianca. Diversi gli aspetti che mi hanno colpito positivamente e negativamente. Tra le cose buone, a parer mio, vi sono state la buona organizzazione e l’ingresso, nel cartellone degli spettacoli, degli artisti di strada. Dai circensi old style dei “Fratelli Pettè” con maghi, forzuti e danzatrici che hanno incantato grandi e piccini, al gruppo dei “Caracca”, banda di tamburi itineranti nata ad Ostia nel 2006 (per maggiori informazioni www.caracca.it), passando dai teatrini con le marionette e con i pupi. Altro aspetto non trascurabile è stato rappresentato dal fatto che da est a ovest della città c’era qualche attrazione.

 

Tra le note negative la somministrazione di alcol a go go. In particolar modo ai minorenni. Divieto imposto dalle Leggi italiane. Fenomeno, quello della somministrazione ai minori, non nuovo nel centro garganico.

Spirito collaborativo. Potrebbe essere questa l’eredità migliore che arriva dalla Notte Bianca. Un solo dato. Per la Notte Bianca, edizione 2013, l’Ente pubblico, il Comune, ha stanziato 6mila euro (Iva esclusa). Il resto dei contributi per pagare artisti e servizi vari è arrivato dai privati. In tal modo, i privati, non solo hanno fatto si che la manifestazione riuscisse, ma si sono sentiti protagonisti. Un bel modo per mettere fine alla vecchia, quanto sbagliata, storia che debbano essere gli Enti pubblici a sovvenzionare, in toto, eventi ed iniziative di qualsivoglia natura. Come, purtroppo, ancora accade nello sport locale e nella organizzazione delle feste patronali. Per organizzare quest’ultime i Comuni spendono cifre esorbitanti con risultati molto modesti rispetto a quelli che si ottengono quando c’è coinvolgimento e collaborazione.

Il metodo Notte Bianca potrebbe ritrovare applicazione tra venti giorni. Dall’otto al 10 settembre  San Giovanni Rotondo celebrerà la festa patronale in onore di Santa Maria delle Grazie.

Annunci
 
5 commenti

Pubblicato da su 17 agosto 2013 in Attualità

 

Tag: , , , , , , , ,

5 risposte a “Notte Bianca, nasce collaborazione

  1. SAVERIO

    17 agosto 2013 at 14:21

    ma la notte bianca è solo del centro ? Le parti limitrofe della città sono da considerarsi scarti della società amministrativa ?

     
  2. Luigi Placentino

    17 agosto 2013 at 16:26

    e si… se si pensa a come è nata e a come si svolge ora…beh… si capisce lo sfondo “capitalista” che c’è dietro… Va bene anche divertirsi e animare strade e vicoli del nostro antico e amato paese… ma senza sacrificare valori fondamentali al dio “stasera cerco di fare un affare”…. come purtroppo spesso succede.

     
  3. alex

    17 agosto 2013 at 20:47

    Anche al sottoscritto é piaciuta questa edizione della notte bianca sangiovannese…ma purtroppo anche io devo confermare e condannare con fermezza e amarezza la grande quantità di alcool venduta ai minorenni senza rispetto neanche per gli orari di somministrazione ….inoltre molti venditori hanno rincarato la loro furbizia….birra in bottiglie di vetro…non doveva essere vietato?..cmq tutto sommato critiche a parte….un ben fatto a tutti….pubblico e privato

     
  4. Massimiliano Pitacco

    18 agosto 2013 at 20:48

    La notte bianca di San Giovanni Rotondo ha avuto un buon successo perchè si è capito che meno si immischia l’ apparato pubblico amministrativo e più le cose funzionano. Ognuno deve rimboccarsi le maniche e coltivare il proprio orticello alla fine si avranno sempre buoni frutti. Complimenti anche per non aver “ospitato” (come altre volte), commercianti di altri paesi limitrofi, la nostra notte bianca deve rimanere una iniziativa dei commercianti della nostra città.però ricordiamoci che non si vive solo di notte bianca.

     
  5. Teo

    28 agosto 2013 at 08:59

    Non bisogna aspettare la notte bianca per rendersi conto che i minori comprano da bere senza problemi. Poi, culturalmente San Giovanni non si distingue mai. Chi ha avuto modo di fare un giro alla notte bianca di San Marco avrebbe dovuto rendersi conto della qualita nettamente migliore di quest’ultima. Basti dire che durante la prima edizione a SGR abbiamo avuto modo di PAGARE un “artista” come Leone di Lernia. Altro da aggiungere?

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: