RSS

San Giovanni, rifiuti: da ottobre raccolta differenziata su tutto il territorio comunale

01 Ago

raccolta differenziataRaccolta differenziata su tutto il territorio comunale. La Lombardi Ecologia, ditta appaltatrice del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti nel comune di San Giovanni Rotondo, ha dichiarato «la propria disponibilità ad effettuare il nuovo servizio».

La modifica all’attuale sistema di raccolta differenziata, che prevede la raccolta “porta a porta” unicamente nel Centro Storico, troverà concretezza, stando a quanto previsto dal Municipio e dalla ditta di Triggiano, nel mese di ottobre. Il nuovo servizio è da intendersi sperimentale, durerà cinque mesi, sino a febbraio 2014, e partirà 15 giorni dopo la consegna, da parte del Comune, di tutto il materiale previsto dal nuovo progetto.

Il costo dell’ampliamento del servizio sarà quasi a totale carico dell’Ente municipale. Ad iniziare dalla fornitura per il kit della differenziata che sarà distribuito a tutte le famiglie sangiovannesi, finendo alla pubblicizzazione del nuovo servizio (campagna di comunicazione e di sensibilizzazione). Buone notizie per i lavoratori. Il personale attualmente assunto dalla Lombardi con contratto part time vedrà crescere il proprio monte ore. Di fatto si potrebbe passare da rapporto di lavoro a tempo parziale ad uno a tempo pieno. Una parte delle ore in più, garantite ai lavoratori dal metodo porta a porta, saranno pagate dalla ditta appaltatrice, la Lombardi, la restante fetta (per il raggiungimento del full time) dal Comune per un impegno di spesa di circa 56mila euro.

Gli impegni sottoscritti dalla Lombardi: impiego di ulteriori mezzi adeguati al sistema di raccolta domiciliare, eventuali ulteriori unità lavorative. Quest’ultime se necessarie all’espletamento del servizio in caso di riduzione dell’attuale personale causa ferie, malattie e infortuni.

L’estensione della differenziata, a tutto il territorio comunale, con il metodo della raccolta domiciliare comporterà degli aumenti di spesa rispetto a quanto previsto in materia al momento dell’aggiudicazione dell’appalto pubblico (2007, ndc). Uscite in più che potrebbero essere bilanciate dai maggiori risparmi che le modifiche apportate comporteranno in termini di minor costo del conferimento rifiuti (una tonnellata di monnezza indifferenziata costa circa 110 euro, a stessa quantità di rifiuti selezionati 66 euro, quasi la metà).

La scommessa è quella di raggiungere, entro pochissimo tempo (31 dicembre 2013), gli obiettivi minimi di differenziata previsti a livello regionale (il 40 per cento). Se il Comune di San Giovanni Rotondo non dovesse riuscire nell’impresa, inevitabilmente, scatterebbe il consistente aumento dell’ecotassa (addirittura il doppio di quello che attualmente si paga). Che, ovviamente, dovrà essere prelevata nelle tasche dei sangiovannesi così come avvenuto per la “Tassa Bramante” (introduzione dell’Irpef comunale), a seguito della sentenza di condanna, ai danni del Comune,  pronunciata dal Tribunale.

Annunci
 
7 commenti

Pubblicato da su 1 agosto 2013 in Attualità, Cronaca

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , ,

7 risposte a “San Giovanni, rifiuti: da ottobre raccolta differenziata su tutto il territorio comunale

  1. Franco

    1 agosto 2013 at 17:06

    Credo ci sia un errore: da ottobre 2013 a febbraio 2015 sono 1 anno e 5 mesi e non 5 mesi

     
  2. Sante Barbano (@BarbanoSante)

    2 agosto 2013 at 16:36

    Si riparte..
    Speriamo che dopo gli slogan arrivi qualcosa di concreto anche se reputo assolutamente utopistico arrivare al 40%.. far pagare nuovamente la cittadinanza per le incapacità di azienda+comune non andrà giù così facilmente..

     
    • michelegemma

      3 agosto 2013 at 00:05

      Ciao Sante, ti ringrazio per i tuoi commenti attenti e puntuali. In merito all’argomento raccolta differenziata domani pubblicherò nuove situazione che, purtroppo, non faranno piacere a nessuno. In special modo ai cittadini, veri contribuenti per il Palazzo e per l’azienda.

       
  3. Franco

    3 agosto 2013 at 10:10

    Raccolta differenziata in alcune Città della Prov. di Foggia, anno 2013:
    S.Giov.Rotondo (giugno 13,77%); S.Severo (maggio 61,34%); Troia (aprile 61,10%); S.Ferdinando di P. (maggio 64,29%); Margherita di S. (aprile 63,80%). Eppure sono Città appartenenti alla stessa Provincia.
    Franco di Cosmo

     
    • michelegemma

      3 agosto 2013 at 12:06

      Franco, grazie per i dati; è evidente che quando si crede fortemente in qualcosa (nello specifico raccolta differenziata) i risultati arrivano ed anche buoni. Ho avuto occasione di conoscere l’assessore all’Ambiente di San Severo (Massimo D’Amico), il quale mi ha fatto capire che sulle tematiche ambientali occorre una forte propensione culturale oltre ad un apparato tecnico-burocratico all’altezza della situazione. Tra i fattori che hanno contributo al successo della raccolta differenziata a San Severo vi è, così come rivelatomi proprio da D’Amico, quello di una notevole determinazione politica nell’attivare il servizio porta a porta. Decisionismo che, in qualche caso, si è scontrato anche con l’azienda e con i vari dirigenti pubblici. Fatto sta che San Severo, da qualche tempo, quasi due anni, ha fatto della raccolta differenziata un motivo di vanto (giustamente) nonché una risorsa economica e finanziaria (ha ricevuto il premio in denaro, migliaia e migliaia di euro, dalla Regione). Ho citato San Severo perchè è la realtà, tra quelle da te descritte, che conosco meglio. Grazie per i tuoi interventi sul blog.

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: